Bologna – Roma, Di Francesco: “Devo cercare gli uomini giusti più che i calciatori giusti”

44
bologna - roma di francesco
Foto Massimo Paolone/LaPresse 23 settembre 2018 Bologna, Italia sport calcio Bologna vs Roma - Campionato di calcio Serie A TIM 2018/2019 - stadio "Renato Dall'Ara" Nella foto: Eusebio Di Francesco (AS Roma) da indicazioni ai suoi giocatori Photo Massimo Paolone/LaPresse September 23, 2018 Bologna, Italy sport soccer Bologna vs Roma - Italian Football Championship League A TIM 2018/2019 - "Renato Dall'Ara" stadium. In the pic: Eusebio Di Francesco (AS Roma) shouts instructions to his players

Le parole del mister Eusebio Di Francesco ai microfoni di Sky Sport al termine di Bologna – Roma.

“Crisi di gioco? Se avessi la spiegazione, vedo che voi le trovate più facilmente… tutti parlano quando il lavoro paga, tutti gli allenatori vogliono lavorare. Io devo trovare le soluzioni internamente e non ci sono riuscito, mi sento tra i responsabili. Parliamo sempre di numeri e poco di atteggiamenti, di fuoco dentro, quando fai 72% di possesso palla fai la partita, quando devi avere la personalità di fare giocate importanti e non lo fai, significa che manca qualcosa, se perdi tutti i contrasti col Bologna è solo tuo demerito. Non sono abituato a cercare alibi, ma devo trovare soluzioni. 

Non so dirvi il sistema di gioco, devo cercare gli uomini giusti più che i calciatori giusti. Processo di crescita? Deve finire il prima possibile, un contrasto non è una cosa tattica, è la determinazione di superare l’avversario. Io ho fatto il calciatore, so di cosa parlo, posso dire tante cose che possono essere condivise o meno. Ho il desiderio di cambiare provando tutto. A Milano hai preso gol nel finale, quando sembrava che potessi vincere, oggi abbiamo chiuso tante volte sotto rete, abbiamo sbagliato gol da un metro, puoi allenarlo, abbiamo fatto 280 cross da 25 metri con solo Dzeko in area, quando i ragazzi sono presi non hanno la lucidità, le risposte mi porteranno a cambiare, non so cosa, devo valutare. Devo scegliere a mente fredda la soluzione giusta. La squadra dà la sensazione di avere poca solidità difensiva e questo è quello che ci fa fare queste figuracce. 

Nel calcio bisogna dare continuità, quest’anno ho lavorato dall’inizio e mi fa diventare matto, abbiamo lavorato tantissimo. Per questo mi scatta il pensiero di cambiare qualcosa, non posso stare fermo ad accettare determinate prestazioni. Quando hai 7 partite, è impossibile far giocare gli stessi, l’anno scorso ne cambiavo 5-6 a partita, tutti remavamo nella stessa direzione, recuperiamo pochi palloni davanti, l’anno scorso eravamo i secondi come palloni recuperati davanti. Se non scatta qualcosa in più dentro si fa fatica, tantovale mettersi sotto la traversa e aspettare, ma non è la mia filosofia. Nel parlare di calcio il difensore deve essere pessimista, da un momento all’altro si può perdere il pallone e bisogna prendere una posizione differente. Bisogna ragionare pensando che un compagno possa prendere palla. Abbiamo perso il pallone nell’area avversaria e non possiamo permettercelo, i dati di oggi mi condannano. Possiamo solo stare zitti e pedalare, è tutto contro di noi. Le corse per rientrare non sono giuste“.