Home Settore giovanile Dall’Alitalia Calcio all’AS Roma: la favola del piccolo Nicolò Liburdi

Dall’Alitalia Calcio all’AS Roma: la favola del piccolo Nicolò Liburdi

3 minuti di lettura
0
0
340

Come in una favola, il piccolo Nicolò Liburdi, passa dall’Alitalia Calcio all’AS Roma. Dopo averlo osservato durante l’arco di tutta la stagione appena conclusa, i responsabili del club giallorosso lo hanno convocato per una serie di stage nel mese di Giugno.

Il piccolo Nicolò non ha tradito le attese e ha firmato per l’AS Roma. Un chiaro motivo di orgoglio e soddisfazione per l’Alitalia Calcio che negli ultimi anni si è resa protagonista di una grande crescita in termini sportivi, tecnici e organizzativi.

La collaborazione con la Roma, nell’ambito del progetto di affiliazione e gemellaggio, è sicuramente un fiore all’occhiello per il sodalizio sportivo della compagnia area nazionale che sta preparando una serie di importanti novità per l’inizio della stagione sportiva 2015/2016.

L’attenzione alla valorizzazione del settore giovanile dell’Alitalia calcio si sposa in maniera perfetta con la filosofia dell’AS Roma che ha messo a disposizione del giovanissimo Nicolò Liburdi una borsa di studio riservata a tutti quei bambini dal potenziale tecnico interessante.

Complimenti alla direzione tecnica e ai mister dell’Alitalia Calcio per l’ottimo lavoro svolto e un grande in bocca al lupo alla famiglia e in particolare al piccolo Nicolò!

UFFICIO STAMPA A.S.D. ALITALIA CALCIO

Il Sommergibilista

Il Sommergibilista

Grafico, webmaster, chitarrista ed ex 'giostraro' con la Roma nel cervello. Uno strano interesse per i sommergibili tanto da essere etichettato "Il sommergibilista" dopo i numerosi messaggi mattutini inviati a Roma Radio.

Carica altri articoli correlati
Carica altri da Il Sommergibilista
Carica altri in Settore giovanile

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Vedi anche

Defrel vicinissimo al Sampdoria

Sembra ormai definitivo il passaggio di Gregoire Defrel alla Sampdoria. Ieri c’è sta…