Home Blog

Roma- Bologna 2-1: tre punti difficili

100473146
Foto: Forzaroma.info

ROMA – BOLOGNA | Chi si aspettava una partita semplice ne è rimasto sicuramente deluso. Il Bologna si è dimostrato più ostico del pronosticato, merito della cura Mihajlovic che ha portato entusiasmo e risultati in casa emiliana.
Gli ospiti sono pericolosissimi e solo un grande Olsen salva la Roma in almeno tre occasioni. Quando non ci arriva il portierone svedese ci pensa la traversa che tiene a galla i giallorossi. Roma non pervenuta.

Nella ripresa si alzano i ritmi dei giallorossi e da uno scambio veloce tra El ShaarawyDzeko nasce il rigore per la RomaHelander va nel panico e abbatte il numero 92. Per Di Bello è rigore. Dal dischetto Kolarov è glaciale e mette a segno il gol numero 7 in campionato. Il Bologna non è domo e Olsen la salva ancora. L’ingresso di De Rossi è fondamentale: proprio da un suo assist arriva il gol del 2-0 di Fazio. Ancora in gol un difensore. Poi come spesso accade la Roma si spegne e Sansone fa uno slalom in area, del tutto indisturbato, e batte Olsen, stavolta incolpevole. Il Bologna ci crede ma non ci saranno più occasioni e la Roma si rimette in scia del Milan per il quarto posto.

Roma – Porto 2-1: la notte di Zaniolo

zaniolo roma - porto

ROMA – PORTO | Diciannove anni e giocatore più giovane ad aver segnato una doppietta agli ottavi di finale di Champions League. Stiamo parlando di Nicolò Zaniolo. Si proprio quello acquistato in estate al posto di Nainggolan. La tifoseria della Roma risponde presente ad una gara importante. E anche la Roma dimostra di essere in partita. Tuttavia il primo tempo scorre liscio senza troppi patemi d’animo da parte di entrambe le squadre, ad eccezion fatta per un palo colpito da Dzeko nel finale.

Nella ripresa è la Roma ad avere più occasioni. Cristante e Pellegrini impegnano Casillas. La porta sembra stregata, ma al 70′ si trova la chiave per scardinarla: El Shaarawy serve Dzeko al centro che riesce a servire Zaniolo. Inizialmente stoppa male, ma la reazione è immediata e colpisce con un preciso diagonale che batte Casillas. Passano 6′ e Zaniolo raddoppia: Dzeko fa partire il contropiede e piazza un destro che lambisce il palo e il numero 22 ribatte in rete.
Il doppio vantaggio però dura poco e con un gol decisamente fortunoso il Porto accorcia le distanze con Adrian Lopez.
I portoghesi ci credono e i giallorossi tentano di arroccarsi in difesa. Ultima occasione per Kolarov allo scadere ma Casillas para con la faccia. Finisce 2-1 con il rimpianto del gol preso.

Chievo Verona – Roma 0-3: tutto facile al Bentegodi

Chievo Verona - Roma

CHIEVO VERONA – ROMA | Stavolta sono bastate 3 reti per portare a casa la vittoria. La Roma espugna il Bentegodi con facilità, anche se con qualche blackout di troppo. Orfani di OlsenManolas, la difesa comunque non ha avuto grossi problemi con l’ultima in campionato. Il match si sblocca con El Shaarawy, a segno quasi sempre contro il Chievo Verona, con la complicità della difesa scaligera che lo lascia colpevolmente da solo. Il gol galvanizza i giallorossi che bissano il vantaggio con una splendida conclusione di Dzeko.
E poi viene il blackout. La Roma smette di giocare, il Chievo prende confidenza e tenta di rimettere in piedi il match ma è grazie a Mirante che la Roma evita di rimuginare vecchi fantasmi.

Nella ripresa un fantastico contropiede orchestrato da El ShaarawyDzeko mette in porta Kolarov che sigla il definitivo 0-3 che chiude il match. Il serbo esulta inchinandosi verso la tifoseria giallorossa, forse in segno di scuse visti i precedenti di questi giorni: per lui gol numero 6 in stagione. C’è tempo ancora per due occasioni per la Roma ma le conclusioni di DzekoEl Shaarawy si stampano rispettivamente su traversa e palo.

Finisce dunque 0-3 per i giallorossi che restano in scia del quarto posto.

Zaniolo, c’è l’offerta della Juventus

nicolò zaniolo
Foto Fabio Rossi/AS Roma/LaPresse 19/09/2018 Madrid (Spagna) Sport Calcio Real Madrid-Roma Champions League 2018/2019 - Estadio Santiago Bernabeu Nella foto: Nicolò Zaniolo Photo Fabio Rossi/AS Roma/LaPresse 19/09/2018 Madrid (Spain) Sport Soccer Real Madrid-Roma Champions League 2018/2019 2018/2019 - Estadio Santiago Bernabeu In the pic: Nicolò Zaniolo

Il foglietto lasciato nel ristorante da Paratici era solo un indizio, ma la Juventus fa sul serio per Nicolò Zaniolo. Sul talento giallorosso si sono accesi i riflettori di mezza Europa ma la Vecchia Signora sembra davvero innamorata.
Secondo quanto riportato da Tuttosport, il club bianconero sta pensando ad un’operazione alla Bernardeschi con un’offerta da 40 milioni di euro.

Per ora la Roma ha messo in stand-by il rinnovo contrattuale, ma un adeguamento dello stipendio diventa quasi obbligatorio, visto le splendide prestazione offerte dal numero 22. Per lui è pronto un contratto da 1.5 milioni a stagione, ma secondo l’agente Vigorelli è ancora troppo poco. Se ne riparlerà comunque nel prossimo giugno.

Stadio della Roma, Pallotta compra i terreni. Il Codacons chiede la sospensione del progetto

stadio della Roma

Il via libera dato dalla sindaca di Roma Virginia Raggi ha fatto segnare un’accelerata importante per la costruzione dello Stadio della Roma. Secondo quanto riportato da Leggo, il Presidente James Pallotta è pronto ad acquistare i terreni di Tor di Valle, attualmente di proprietà di Eurnova. Costo dell’operazione circa 100 milioni di euro. La firma è attesa tra pochissimi giorni.

A distanza di 24 ore dalla conferenza stampa però c’è già chi mette i bastoni tra le ruote. Con una nota il Codacons ha voluto far sapere che: “Alla luce della richiesta di rinvio a giudizio per 15 persone accusate a vario titolo di aver pilotato le procedure amministrative legate al nuovo Stadio, crediamo che il sindaco Virginia Raggi non debba in nessun caso avallare eventuali reati che dovessero emergere dal procedimento penale, e quindi debba sospendere il progetto di Tor di Valle trovando siti alternativi per l’importante opera, al fine di impedire qualsiasi speculazione. Se non sara’ il sindaco ad adottare un simile provvedimento, ci pensera’ il Tar del Lazio dinanzi al quale pende un ricorso per sospendere gli atti relativi allo Stadio della Roma. Intanto il Codacons offre assistenza legale a tutti i tifosi della Roma ai fini della costituzione di parte lesa nell’eventuale processo, al fine di far ottenere loro il giusto risarcimento in caso di accertati illeciti”.

Roma – Milan 1-1: Donnarumma salva i rossoneri

Roma - milan
© Corriere dello Sport

ROMA – MILAN | Ci si aspettava una reazione. Era il minimo che la squadra potesse fare dopo la cocente e clamorosa sconfitta contro la Fiorentina in Coppa Italia. Il pareggio va incredibilmente stretto per quello visto nei 90′, che comunque non cancella l’onta della vergogna della penosa esibizione dello scorso mercoledì.
La Curva Sud espone una splendida coreografia in onore di Antonio De Falchi, in occasione del trentennale della morte avvenuta in un tragico Milan – Roma nel 1989.

La Roma prova subito a farsi pericolosa, davanti a oltre 40mila spettatori che, nonostante tutto, continuano ostinatamente a dichiarare il proprio amore alla squadra. Donnarumma in versione “Superman” decide di mettere un lucchetto alla porta, parando praticamente di tutto. E come nelle più classiche delle occasioni è il Milan al primo tiro in porta ad andare in gol. Complice uno svarione di Pellegrini e una dormita di Fazio che dimentica Piatek, al terzo gol in 3 gare all’Olimpico.
La Roma non si abbatte: allo scadere trova ancora davanti uno strepitoso Donnarumma che risponde presente su un bel colpo di testa di Schick e immediatamente chiude anche su Dzeko.

La ripresa parte forte e i giallorossi trovano il pareggio: Donnarumma fa un altro miracolo su una deviazione ravvicinata del difensore e sulla ribattuta Zaniolo è il più lesto ed infila il meritato pareggio. Il Milan non si vede quasi mai e l’unica volta che lo fa manca all’appello un rigore per fallo di Kolarov. La Roma spreca qualche contropiede di troppo: l’occasione migliore è per El Shaarawy, subentrato al posto di Florenzi, ma il numero 92 perde l’attimo e tenta di concludere con un tacco improbabile. Non va meglio a Pellegrini: il suo colpo di testa si stampa sul palo, con Donnarumma immobile. Nel finale manco un giallo, con conseguente rosso, a Pellegrini. Ultimo brivido con un tiro allo scadere di Laxalt.

RomaMilan si spartiscono dunque la posta in palio e rosicchiano un misero punto all’Inter, sconfitta in casa dal Bologna.

Rivoluzione Roma: Sarri l’uomo giusto?

maurizio sarri asromavincipernoi

SARRI ROMA | Sembra ormai finita l’avventura in giallorosso di Eusebio Di Francesco. Il tecnico abruzzese, quasi certamente, saluterà la squadra a fine stagione. A Roma tira aria di repulisti generale. Secondo Il Messaggero e Gazzetta dello Sport, i vertici giallorossi hanno individuato in Maurizio Sarri l’uomo giusto per al panchina. Il tecnico toscano, ex Napoli ed Empoli, attualmente allena il Chelsea con fortune alterne. Potrebbe così accettare un ritorno in patria, lasciando la Premier League dopo solo una stagione.

Calciomercato Roma: salta Vida, Guedes a giugno

monchi
Foto: La presse

Dopo la brutale sconfitta di ieri contro la Fiorentina, il DS Monchi ha annunciato che la Roma non farà mercato in questa sessione. Dunque salta Domagoj Vida, fortemente accostato alla formazione giallorossa: ieri il Besiktas ha rifiutato la richiesta della Roma di prenderlo in prestito.
Rimandato anche l’acquisto di Wilmar Barrios del Boca Juniors.

Dovrebbe essere tutto fatto per Matheus Guedes, difensore classe ’99 in forza al Santos. Ieri il presidente del club brasiliano ha comunicato che il giocatore ha un pre-contratto con la Roma.

Sul fronte cessioni invece sembra tutto fatto per il passaggio di Luca Pellegrini al Cagliari. Potrebbe salutare anche Coric.

Fiorentina – Roma, Di Francesco: “Dobbiamo chiedere scusa a tutti i tifosi. Escludo le dimissioni”

eusebio di francesco
NAPLES, ITALY - MARCH 03: Coach of AS Roma Eusebio Di Francesco looks on during the serie A match between SSC Napoli and AS Roma - Serie A at Stadio San Paolo on March 3, 2018 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Le parole dell’allenatore Eusebio Di Francesco a Roma TV al termine di Fiorentina – Roma“Dobbiamo chiedere scusa a tutti i tifosi per la prestazione di oggi. Faccio fatica a dare delle spiegazione generali, è stata una gara giocata e gestita malissimo sotto tutti i punti di vista. Sono il primo a chiedere scusa per la prestazione vergognosa. Perché questa situazione? Tempo fa dicevamo scherzando che la squadra era guarita, poi ci ritroviamo sempre nelle stesse situazioni. Possiamo fare tutti i discorsi tattici, ma in primis ci metto la testa, lo ribadisco, il fatto di non uscire dalla partita in momenti di difficoltà e non disunirsi quando le cose vanno male. Si perde e si vince insieme, si prendono gli schiaffi insieme, e questa è la sensazione più brutta che viene fuori da questa gara. Io sono il primo responsabile, ma parlare di me è come sparare sulla croce rossa. Però ero l’allenatore anche quando la squadra è rinata, quando vinceva, nel primo tempo di Bergamo. Siamo ancora malati, non siamo guariti, ma le valutazioni non le devo fare io, sono le altre a farle. Il Milan tra pochi giorni? È la fortuna del calcio, abbiamo la possibilità di rifarci subito. Deve esserci una reazione. Parlare dopo una partita in un certo modo non è facile. Ora le valutazioni vengono di pancia e non dalla testa”.

Fiorentina – Roma, Monchi: “Il giorno più doloroso della mia carriera”

monchi asromavincipernoi

Le parole del DS Monchi a Roma TV: “È il giorno più doloroso della mia carriera da direttore sportivo. Chiediamo scusa a tutti tifosi, a quelli venuti qui a Firenze e a quelli a casa. Possiamo dire solo scusaNon è il momento delle valutazioni, ma solo di chiedere scusa. A volte esce tutto male ed oggi è stato così. Sono stato nello spogliatoio prima della partita, i giocatori volevano vincere, sapevamo che era una partita importante. Penso che nelle ultime 6 partite, escluso il secondo tempo di Bergamo, la squadra stava ritornando, ma purtroppo oggi abbiamo fatto una brutta figura. Cosa possiamo fare noi? Abbiamo provato tutto, credo che i giocatori abbiamo bisogno del loro tempo, nessuno oggi è felice e tranquillo e quindi non è il giorno per stargli lontano, bisogna stare con loro e lo staff tecnico.Bisogna essere uniti per uscire da questa situazione, non credo che oggi sia il giorno adatto per punirli, la punizione c’è già stata in campo”.

SOCIAL

9,164FansLike
370FollowersFollow
711FollowersFollow