Porto – Roma 3-1 (d.t.s): giallorossi fuori dalla Champions League

93
Porto - Roma
Cinecittà World

PORTO – ROMA | Finisce nel peggiore dei modi la corsa in Champions League della Roma. Ad Oporto sono i padroni di casa a staccare il pass per i quarti di finale. Occorrono però 120 minuti e l’assegnazione di un rigore dubbio per permettere ai lusitani di approdare al turno successivo. La Roma però ci mette del suo per facilitare il compito ai biancoblu.

Di Francesco decide di schierare la difesa a 3, mai vista nel corso di questa stagione. Manolas invece regala la prima palla buona al Porto ed è una sentenza poiché dal suo errore nasce il primo gol targato Soares. Ci sono dubbi sulla posizione ma sembra tutto regolare ed il gol viene convalidato. La Roma prova a reagire e al 36′ Perotti guadagna un rigore: dal dischetto va De Rossi che mette la gara in parità. Il numero 16 però deve lasciare il campo pochi minuti dopo: al suo posto entra Pellegrini.

Nella ripresa sembra che ci sia più Roma rispetto al Porto ma ancora una volta alla prima occasione utile arriva il raddoppio: Marcano si dimentica Marega e l’attaccante non sbaglia ed è 2-1.
Il Porto piano piano allenta il ritmo e lascia spazi mai visti prima. La lucidità però manca e Perotti divora un gol clamoroso. Si va così ai supplementari e anche Pellegrini lascia il campo per infortunio.

Il primo tempo supplementare scorre senza nessuna emozione, mentre nel secondo succede praticamente di tutto. Dzeko mangia clamorosamente due chiare occasioni. Al 113′, da un’azione apparentemente innocua, arriva un rigore per il Porto per una trattenuta di Florenzi. La massima punizione viene assegnata dopo una interminabile consultazione del VAR. Dal dischetto Alex Telles non sbaglia: 3-1.
Al 120′ poi va in onda l’ennesima vergogna europea per i giallorossi: Cakir ferma il gioco poiché chiamato dal VAR per un possibile rigore per fallo di Marega su Schick. Il contatto c’è ed il rigore è solo da convalidare e invece Cakir decide di non consultare il VAR e quindi continuare il match.

Finirà 3-1 per il Porto. E Florenzi scoppia in un pianto irrefrenabile.