Roma – Atalanta 3-3: regali e rimonte

33
roma - atalanta

Tante emozioni e tanti gol nella seconda gara di campionato tra Roma – Atalanta. Passano poco più di 60 secondi e la Roma è già in vantaggio con un magistrale colpo di tacco di Pastore. Sembra il classico gol che mette in discesa la gara ed invece i bergamaschi tirano fuori una prestazione maestosa e al 19′ trova il pareggio con Castagne che ribatte in rete una conclusione di Zapata deviata dal palo. Proprio il colombiano si dimostra il migliore dei suoi e sforna giocate ed assist che mandano in porta i compagni. Ed il gol non tarda ad arrivare. Al 21′ Manolas tarda l’entrata su Zapata che libera Rigoni che batte Olsen per l’1-2 che gela l’Olimpico. La Roma sbaglia tanto e l’Atalanta punisce ancora con Rigoni al 37′.
Un tempo praticamente regalato, ma che ritmo i bergamaschi!

Nella ripresa fuori Cristante e Lorenzo Pellegrini, dentro KluivertN’Zonzi. I due innesti provano a ridare vita ad una squadra spenta e al 49′ ancora Pastore sfiora il gol calciando alto. L’Atalanta finalmente abbassa i regimi e la Roma esce allo scoperto. Al 59′ Florenzi sfrutta al meglio un varco clamoroso lasciato dalla difesa bergamasca e punisce Gollini accorciando le distanze. Sarà l’ultima occasione per il terzino che dopo poco uscirà per infortunio al ginocchio. Davanti si cerca l’imbucata vincente, dietro si balla clamorosamente.
Il ritmo blando favorisce la Roma che al minuto 82 trova il pareggio: Pastore pennella una punizione in area dove sbuca Manolas che appoggia in rete.
Assalto finale con la Roma che tenta il tutto per tutto ma Gollini salva il risultato prima su un colpo di testa di Dzeko e successivamente sul pallonetto di Schick. A pochi istanti dallo scadere Kluivert lanciato in contropiede perde l’occasione per chiudere a rete.

Finisce 3-3: un punto perso e poi ritrovato per strada. Una strada ancora lunga da percorrere ma dove non si può sbagliare in questo modo.