Roma – Inter 2-2: un punto che non accontenta nessuno. Ma la VAR dove sta?

169
roma - inter
Foto Fabio Rossi/AS Roma/LaPresse 02/12/2018 Roma (Italia) Sport Calcio Roma - Inter Campionato Italiano Serie A TIM 2018/2019 - Stadio Olimpico di Roma Nella foto: Cengiz Under festeggia il goal con i compagni Photo Fabio Rossi/AS Roma/LaPresse 02/12/2018 Rome (Italy) Sport Soccer Roma - Inter Italian Football Championship League Serie A Tim 2018/2019 - Stadio Olimpico of Rome In the pic: Cengiz Under celebrates his goal with teammates

Pari e spettacolo tra Roma – Inter: gara vibrante sin da subito nonostante le innumerevoli defezioni in casa giallorossa, alla quale si aggiunge anche Fazio per un problema alla caviglia. Il primo squillo è della Roma con un guizzo di Schick che serve Florenzi con un magnifico tacco ma la conclusione è troppo angolata e si stampa sul palo. Al minuto 36′ si spacca il match: Zaniolo viene steso in area ma né Rocchi né la VAR sanciscono un rigore sacrosanto. Sul capovolgimento di fronte D’Ambrosio mette al centro per Keita che ci arriva come può ma tanto basta per mettere a segno lo 0-1. Protesta tutto l’Olimpico ma il risultato segna il vantaggio dei nerazzurri.

La ripresa si apre con la Roma che tenta di rimettersi in carreggiata. A riportarla sul binario giusto ci pensa un bolide di Under dai 25 metri che si insacca con Handanovic che non tenta nemmeno l’intervento. Un gol che fa certo dimenticare l’errore clamoroso nella gara contro il Real Madrid. Ma alla prima occasione, e anche l’unica, è di nuovo l’Inter a passare in vantaggio. Da un corner Icardi svetta indisturbato in area ed è una sentenza: il colpo di testa si infila alle spalle di Olsen ed è 1-2.

I giallorossi comunque tentano una reazione e da un calcio d’angolo arriva l’occasione giusta: Brozovic allarga il gomito volontariamente e tocca il pallone. Rocchi non se ne accorge ma la VAR stavolta funziona e dopo un rapido consulto assegna il rigore. Va Kolarov dal dischetto e batte Handanovic per il 2-2. Le due squadre provano a vincerla ma alla fine di occasioni importanti non se ne vedranno più.
Un punto che comunque non serve a nessuno.